Siamo agli Ottavi: Svizzera-Italia, chi vincerà?

Zürcher Geschnetzelte vs Polenta con Sugo ai Funghi Porcini: partita decisiva tra ricette tipiche

Siamo agli Ottavi: Svizzera-Italia, chi vincerà?
26 Giugno 2024 Giuliana Scuto
In Oltre NORDAL

L’Italia ha superato le qualificazioni con pareggi e vittorie, adesso non si può più sbagliare nulla. Si passa per scontri diretti. Il nostro avversario stavolta è un vicino di casa: si gioca contro la Svizzera.

Svizzera-Italia

Zürcher Geschnetzelte (spezzatino zurighese) vs Polenta con Sugo ai Funghi Porcini

Audio creato con AI

Oggi si affrontano in campo lo Zürcher Geschnetzelte e la Polenta con Sugo ai Funghi Porcini.

La Svizzera opta per un classico 4-3-3. Schierati in difesa scaloppine di vitello, farina, olio di semi e cipolla. A centrocampo, una linea a 3 composta da funghi Champignon, burro e vino bianco. In attacco, brodo di carne, sale e prezzemolo fresco puntano a dare il colpo decisivo.

L’Italia, invece, per un 3-5-2 offensivo, puntando sulla superiorità numerica a centrocampo. Gli ingredienti, perfettamente coordinati tra loro, affidano la difesa a tre fuoriclasse, farina di mais, acqua e burro, capaci di bilanciare bene i sapori per avere pieno controllo della pentola. Centrocampo a 5 con funghi porcini, porri, vino bianco secco, brodo vegetale e aromi. Infine in attacco, aglio e prezzemolo pronti a dare il tocco finale. 

Che la sfida abbia inizio!

Primo tempo

Sono le 18:00. Le squadre sono già pronte sul campo di gioco. La tensione è palpabile.

Calcio d’inizio per l’Italia che, con la sua Polenta con Funghi Porcini, conquista il possesso immediato e scatta in avanti: l’acqua si getta in pentola e si fa subito pericolosa arrivando a bollore. La farina di mais non esita e si precipita in assistenza per evitare la formazione di grumi nella polenta. Tutta la squadra è nell’aria piccola. Il burro a supporto tenta un tiro laterale: fuori per un soffio! 

La Svizzera prova un contropiede con i centrocampisti dello Zürcher Geschnetzelte che avanzano, ma l’Italia recupera palla. Fraseggi precisi, alto pressing dei giocatori svizzeri, ma senza successo. l funghi porcini, tagliati con precisione, scattano in padella e tentano un contropiede, eludendo la difesa elvetica. Assist del burro, sciolto a dovere, concede al vino bianco l’occasione perfetta: goal per l’Italia!  La fusione tra gli ingredienti in area di rigore ha portato gli Azzurri in vantaggio.

Primo cambio per l’Italia: fuori l’aglio in favore di un pizzico di pepe.

In contropiede, le scaloppine zurighesi cercano di distrarre la difesa italiana, ma i porri intercettano il pallone e con un dai-e-vai veloce con il brodo vegetale, confondono la retroguardia avversaria. Marcatura stretta, troppo: ammonizione per il prezzemolo svizzero che risulta un po’ appassito.

Calcio di punizione per l’Italia in posizione molto interessante. Lo calcerà il sale… ma COLPO DI SCENA tira il prezzemolo. Lancio impreciso, la palla va oltre la porta.

L’arbitro fischia e rimanda tutti negli spogliatoi. Azzurri in vantaggio, la polenta ribolle in pentola.

Secondo tempo

Audio creato con AI

Ingredienti di nuovo in campo. La Svizzera vuole ribaltare il risultato e prende subito iniziativa. Gli italiani sembrano più stanchi, anche se l’aglio e il prezzemolo tentano il tutto per tutto spingendosi in avanti nel tentativo di segnare il secondo gol. La Svizzera risponde con la carne che, in soli 3 minuti, si rosola perfettamente in padella, bloccando l’attacco italiano proprio prima dell’area di rigore

L’Italia retrocede. Il terzino sinistro svizzero, l’olio di semi, avanza. Passa alla cipolla, poi la palla arriva al brodo vegetale, che tira. Palo! Che colpo! La Svizzera manca d’un soffio il gol.
Tra gli spalti la tensione è alle stelle. Siamo a metà del secondo tempo. Il mister svizzero motiva i suoi dal bordo campo.

Il centrocampo si infervora, il vino bianco sfuma gli attacchi italiani, diffondendo il suo aroma nel tegame. Il fraseggio è impeccabile: il burro riceve e rilancia ai funghi Champignon. La palla continua a circolare con precisione, scatta l’attaccante elvetico. Il brodo di carne tenta il gol, ma la difesa è invalicabile.

Fischio. Cambio repentino: esce il brodo di carne ed entra la panna pronta ad amalgamare la situazione in campo. La fiamma della Svizzera si abbassa, ma la pressione rimane alta. La carne, dalla difesa, passa la palla ai terzini che la rilanciano alla panna. La Svizzera continua l’avanzata, sale e pepe, il prezzemolo sono tutti in avanti. Azione molto pericolosa.

E infatti il goal arriva! Manca meno di un minuto dalla fine… lo Zürcher Geschnetzelte esce glorioso dalla padella, pronto per essere servito nel piatto.

La partita si chiude con un pareggio, lasciando gli spettatori con il fiato sospeso fino all’ultimo istante. Piccola pausa, si va ai supplementari.

Noi, scaramanticamente, ci fermiamo qua. A voi il pronostico, chi vincerà la partita?

Ricevi uno sconto del 10% sul tuo primo ordine

Iscriviti alla newsletter