Cottura in padella: l'arte della semplicità

Piccoli accorgimenti da seguire per una cottura pratica, veloce e sana.

Cottura in padella: l’arte della semplicità
5 Luglio 2024 Giuliana Scuto
In Educational
Cous cous cotto in padella

La cottura in padella, un metodo tanto versatile quanto sottovalutato, offre un triplo vantaggio: praticità, rapidità e, spesso, anche alcuni benefici nutrizionali. Tuttavia, per sfruttarne appieno il potenziale, è essenziale padroneggiare alcune tecniche fondamentali.

Il principio fisico alla base di questo metodo è semplice ma affascinante. Il calore si propaga dalla fiamma al fondo della padella per contatto diretto, un fenomeno noto come “conduzione termica“. In questo processo, l’energia termica migra tra due corpi solidi a contatto: la padella rovente e l’alimento freddo.

La magia della cottura in padella si manifesta anche attraverso il principio dellaconvenzione“. Questo avviene quando una sottile pellicola di grasso fuso crea un’interfaccia tra la padella e il cibo, permettendo al calore di diffondersi attraverso questo elemento fluido.

La scelta del grasso giusto è cruciale e varia in base all’ingrediente e al tipo di padella. Vediamo alcune linee guida generali per ottimizzare le vostre preparazioni.

Scegliere la padella ideale

Contrariamente a quanto si possa pensare, cuocere in padella non equivale sempre a friggere. Alcune ricette richiedono solo un filo d’olio per un leggero soffritto, altre ne fanno a meno del tutto. La selezione dell’utensile giusto è fondamentale:

  • Padelle in ghisa: robuste e pesanti, distribuiscono il calore uniformemente. Sono l’alleato perfetto per cotture ad alta temperatura, come quella delle bistecche.
  • Padelle in acciaio inossidabile: leggere e inossidabili, sono il cavallo di battaglia di molti chef professionisti. Eccellono nelle cotture a fuoco vivo.
  • Padelle in alluminio: ideali per preparazioni delicate come frittate e pancake. Tuttavia, la loro minore ritenzione del calore rispetto a ghisa e acciaio richiede una gestione attenta della temperatura.
  • Padelle antiaderenti: il loro rivestimento speciale le rende perfette per ingredienti delicati come uova o pesce, o per chi desidera ridurre l’uso di grassi in cottura.
  • Padelle in rame: garantiscono una cottura omogenea e sono particolarmente indicate per preparazioni che richiedono temperature costanti e prolungate, come risotti e creme. Il loro costo elevato è giustificato dalla capacità di preservare le proprietà nutrizionali degli alimenti.

cottura padella

E per il pesce surgelato?

Per quanto riguarda il pesce surgelato, la preparazione inizia ben prima dell’accensione dei fornelli. Idealmente, andrebbe scongelato gradualmente in frigorifero la notte precedente. In caso di emergenza, il microonde con funzione di scongelamento può essere un valido alleato.

Branzini, merluzzi, orate e pesci spada sono ottimi candidati per la padella, specialmente se arricchiti con aromi come aglio, prezzemolo e pomodorini. Anche rana pescatrice, rombo, tonno, salmone, sogliola, triglia e sgombro si prestano egregiamente a questo metodo di cottura. Il segreto sta nel riscaldare adeguatamente la padella prima di aggiungere un filo d’olio o una noce di burro. Questo accorgimento previene l’aderenza del pesce e ne preserva la succulenza. Durante la cottura, l’aggiunta giudiziosa di liquidi può creare un sughetto saporito, perfetto per condire un primo piatto. Per ottenere questo risultato, è consigliabile optare per una cottura a fiamma bassa.

Padroneggiare l’arte della cottura in padella richiede pratica e attenzione ai dettagli, ma i risultati ripagheranno ampiamente i vostri sforzi, regalandovi piatti deliziosi e nutrienti con il minimo sforzo.

Ricevi uno sconto del 10% sul tuo primo ordine

Iscriviti alla newsletter